Pescadores importantes para Chinesteta

Pescadores importantes para Chinesteta

Había empezado a escribir un tostón que no había por donde cogerlo. Voy a reescribir el artículo, sin mucho romance. Poniendo fotos de pescadores que han sido importantes para mi y para mis chinestetas.

pescadores chinesteta

Víctor Bocos fue durante mucho tiempo un gran amigo y un creador de ideas y tubo que ver en varios de mis modelos Chinesteta.

pescadores chinestetaMiguel Ruiz fue durante mucho tiempo mi compañero de pesca, pasamos grandes jornadas de pesca tanto en mar como en agua dulce. 

pescadores chinestetaVicente Gargallo sin duda uno de los mejores pescadores que he podido ver pescando. Gran capacidad para entender a los basses y perfecta visión para elegir el señuelo adecuado. 

pescadores chinestetaA Roberto Martínez lo conozco desde que entré en Patasillas allá por el año 2005. Hemos pescado juntos en las golas muchas veces y siempre nos hemos respetado mucho. Un gran pescador y un gran emprendedor en el mundo de la pesca.

pescadores chinestetaGiuseppe Martino es un pescador italiano que lo conocí en el foro de pesca Patasillas. Quedamos muchas veces a pescar juntos y lo pasamos en grande.

pescadores chinestetaA Sam Bosch lo conocí también en el foro Patasillas y fue de los primeros en probar mis chinestetas para rockfishing en el 2012.

pescadores chinestetaFederico Romeu llamado con cariño por todos como Fede, siempre ha valorado mi trabajo artesanal. Cuando lo he necesitado me ha ayudado, como muestra la foto que la realizamos en el pantano de Tous en el 2019. Fuimos a grabar un posible video para Caza y Pesca con su embarcación y gracias a él se dió bien y se grabó el video y me hicieron una entrevista en el programa Veda Abierta de Movistar.

pescadores chinestetaAquí el resultado de lo que comenzamos unas semanas antes en el pantano de Tous con Fede. Para mí una de las mejores experiencias de mi vida, poder viajar a Madrid, alojarme y grabar parte del programa Veda Abierta de Movistar, con grandes profesionales. Mostré mi trabajo artesanal y las dificultades para seguir en este tan complicado mundo de la pesca. Dar las gracias a Nacho Rojo por tu profesionalidad y su trato tan cercano.

pescadores chinestetaJoan Enric Garrigues fue uno de las personas más importantes del Foro Patasillas, por el 2010 fuimos a muchas quedadas del foro y también pudimos coincidir en varias jornadas de pesca.

pescadores chinestetaAdrià Vidal vino a Valencia a pescar conmigo y con otros spinners valencianos en el 2010. Un visionario de la pesca siendo un chaval y con muchas ganas de comerse el mundo.

pescadores chinestetaJuan Villuendas también fue una gran influencia para mi, es un spinner con muchísima experiencia en la pesca de la anjova. Pudimos vivir jornadas muy buenas juntos, jornadas que nunca olvidaré.

pescadores chinestetaNeno fue uno de los líderes de Patasillas y sin duda el pescador que más experiencia tenía. Me ayudó muchísimo en todo lo referente a la pesca y también en el perfeccionamiento de mis señuelos artesanales.

pescadores chinestetaJosé Manuel Ponce fue un gran defensor de mi trabajo y durante mucho tiempo estubo pescando con mis chinesteta.

pescadores chinestetaVicente Regal es un gran pescador que siempre ha confiado en mis chinestetas, ayudándome en todo lo que podía.

pescadores chinestetaAquí 3 grandes artistas, los conocí en el foro Patasillas y luego seguimos en contacto gracias al foro murciano dos70. Edu, Luisma y Fartonet.

pescadores chinestetaRaul Gil un pescador todoterreno, igual te pesca una trucha que un atún. Un artista como pescador y como persona.

pescadores chinestetaA Michael Craig le conocí a través de Facebook, él es estadiounidense y muy aficionado a la pesca del bass. Me pidió varios Palos 180, paseantes de gran tamaño para sus basses. A parte de pescador también es un artista dibujando y me hizo esta caricatura de un paseante chinesteta en la boca de un bass.

pescadores chinestetaCaricatura realizada por Michael Craig (USA).

pescadores chinesteta

No me quería olvidar de mis amigos artesanos, con los cuales he compartido ferias de pesca, que recordaré de por vida. De izquierda a derecha: Jose Chinesta (chinesteta), Jose (Feathers Jose), Christian Sotodosos (Roshi), David (Gomilures).

pescadores chinestetaJuan Sendín es un viejo amigo argentino que lo conozco desde el 2010 y ha sido tester de mis chinestetas en Argentina. Siempre nos hemos apoyado y siempre nuestra unión ha servido para mejorar mi trabajo.

 

Gola Perellonet

Esta foto fue tomada por mi amigo Juan Antonio Corts y estoy pescando en la Gola del Perellonet con mi amigo Iñaki Muga el 15-12-2011.

Donde más he vendido como no podría ser de otra manera ha sido en mi tierra, Valencia. Y casi una totalidad de mis ventas han sido para la pesca a spinning en el mar, siendo los paseantes mis mejores aliados para llegar a los pescadores valencianos.

Juanjo e Ivor

Esta foto es del 23-12-2010.

Que puedo decir de estos dos artistas, jajaja, Ivor y Juanjo Tafalla para mi han sido muy importantes, he pasado jornadas de pesca maravillosas con ellos, cada año seguimos quedando. Cuando fabriqué el Fangler fueron los que más confiaron en mi señuelo y los que más anjovas pescaron con “el Fangler”. Para ellos era “lo Máximo” y también solían decir pescando “Pon un Fangler en tu vida”.

spinners

En esta foto siguen Juanjo Tafalla e Ivor y en medio está un servidor (Jose Chinesta). Esta foto es más actual y está tomada el 17-1-2021 más de 10 años después de la anterior.

Pesca bass

Iván Almerich mi compañero de pesca en el Valencia Bass, fue breve pero seguimos manteniendo nuestra amistad y pescamos siempre que podemos.

Por suerte ha habido un reducido grupo de pescadores que han creído en mi trabajo para agua dulce y no han dudado en adquirir mis spinners, chatters y paseantes.

telmo chinesteta

Telmo Abadia con un gran dorado pescado con un Llobarro 100 hundido de Chinesteta.

Sin duda uno de mis maestros en esto de la fabricación de señuelos, el gran Telmo Abadia. No nos hemos visto en persona, más que nada porque un mar nos separa, nos conocemos de hace muchos años, por medio de un amigo en común y siempre he admirado a Telmo. Es un apasionado de la creación de artesanales para la pesca, durante muchos años ha escrito entradas en su blog Artesanías que pescan. Su blog a día de hoy en Argentina es considerado la Biblia de los señuelos artesanales y ha conseguido que muchísimos artesanos sigamos sus pasos.

atún chinesteta

Sin duda la captura que más me ha emocionado en mi carrera de artesano, un magnífico atún pescado por Adrià Vidal con un Fangler 140 modificado para esta pesca. Posiblemente no haré más señuelos de este tipo, porque mis chinestetas no están preparados para estos combates, pero esta captura me hizo especialmente feliz.

Juan Ds

Juan Ds con un precioso dorado pescado con un paseante tipo purito, que fabricaba en mis inicios. Conozco a Juan de hace muchos años y siempre se ha mostrado muy interesado en usar mis Chinesteta, para pescar dorados y tarariras.

Amigos italianos

Lorenzo y Fabrizio dos amigos italianos que vinieron a pasar un par de días pescando conmigo. En la foto salen en compañía del gran Paulino (antiguo guarda de Almenara) y gran amigo mío.

Valerio Morini

Valerio Morini es un periodista de pesca y productor que vino a España para grabar el capítulo 0 de una serie de videos de pesca “Last Minnow Tour”. Trataba de ir a pescar por Europa a bajo coste, ayudándose de pescadores locales para poder pasar unos días pescando y grabando. Después de este primer capítulo en Valencia, el canal Sky y Caccia e Pesca italiano compró los derechos y se grabaron varias “puntatas” (capítulos) en distintos puntos de Europa y Asia.

https://youtu.be/st0KlOwZX8k

Seguimos con momentos especiales en mi vida como artesano de señuelos.

pescadores chinesteta

Alfio Elio Quattrochi vino ha España en el 2010 con motivo de la Efftex 2010 aquí en Valencia. Una feria internacional de material para pesca deportiva. Alfio es un periodista de pesca, que trabajaba en varias revistas de pesca italianas y vino a cubrir la Efftex. Contactó conmigo antes desde Italia, quería conocerme y hacer un artículo sobre mis señuelos. Gracias a él conocí a grandes empresarios del sector, como Glauco Tubertini y Patrick Sebile.

chinestetas por el mundo

Artificiali per la Spigola – Pesca alla Spigola a Spining

Artificiali per la Spigola – Pesca alla Spigola a Spining

Stai cercando delle buone artificiali per la pesca alla spigola – esche per spigola da spinning? Questo pesce di colore grigio è una delle catture più desiderate dai pescatori di tutto il mondo. Ma, quando si lancia la pesca della spigola, l’esca scelta è un pezzo chiave per avere successo. Da Chinesteta abbiamo una vasta esperienza nella produzione di esche da pesca per spigole e in questo articolo raccogliamo gli aspetti principali da prendere in considerazione quando si sceglie una buona esca.

Ma, prima di approfondire la questione, vediamo una breve introduzione sul basso, una delle dighe più desiderate.

Le caratteristiche della spigola

Il branzino è un pesce di taglia medio / grande, solitamente presente in tutto il Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, dalla costa africana (Senegal) alla Norvegia. Possono pesare circa 10 kg, ma una presa media di solito è più di un chilo (infatti, catturare un basso da 4 o 5 kg è già un successo!).

Artificiali per la spigolaUna spigola, catturata con un’esca da pesca Chinesteta

Questa specie ha un colore grigiastro, con ventre bianco perlato e una forma curva molto caratteristica e sorprendente per i pescatori. Come il basso nero, si distingue per la sua bocca larga, molto forte e inclemente con la sua preda. Entrambi i pesci hanno usanze molto simili.

Il branzino è un pesce molto ambito dai pescatori, che lo cercano per diversi motivi. Il primo è la sua forma e i suoi colori attraenti, che lo differenziano chiaramente dagli altri pesci. Il secondo è la sua aggressività, la spigola è un pesce vorace, che attacca la sua preda in un modo molto caratteristico. Questo lo rende una cattura molto interessante. Infine, i pescatori la cercano per la sua carne, molto gustosa e con un grande valore gastronomico.

Sebbene complicato da pescare, in alcuni punti il ​​numero di spigole nell’acqua è piuttosto elevato, principalmente perché molti di loro fuggono da allevamenti o allevamenti ittici. Quando il mare viene spostato, le gabbie si rompono e questi pesci vengono liberati, il che provoca migliaia di spigole nelle nostre coste provenienti dalle fattorie. Questi bassi, originariamente allevati in cattività, sono molto più facili da pescare. Questo perché durante la loro educazione nelle fattorie, vengono alimentati molto frequentemente per promuoverli a crescere più velocemente. Una volta rilasciati, devono essere molto aggressivi per poter nutrire alla stessa velocità. Questo li rende più facili prede per i pescatori.

              Allevamento ittico in mare

Se questi motivi ti chiamano e vuoi iniziare l’avventura, uno dei primi passi da fare è scegliere una buona attrezzatura. E il pezzo chiave è un esca adatta. Per aiutarti in questo processo, ti consigliamo le nostre migliori esche per la spigola.

Come scegliere l’esca migliore per la spigola

Questo è lanciato abbastanza lontano

Cerchiamo di essere chiari: il branzino non di solito rende facile per il pescatore. Sia che si trovino in acqua salata o in acqua dolce, di solito scelgono angoli un po ‘nascosti da nascondere e dovremo raggiungerli se vogliamo catturarli.

Nel caso della pesca in mare, il branzino si trova di solito nelle zone in cui si infrangono le onde, a una certa distanza dalla costa. Se il mare è calmo, possiamo pescare su una barca, ma se viene spostato, come ad esempio nel Cantabrico, avremo bisogno di un’esca per il branzino che può essere lanciato dalla riva e che arriva il più lontano possibile.

In Chinesteta produciamo esche per la pesca con la roccia, per la pesca della spigola con attrezzatura molto leggera. Canne d’azione 1-7 ge mulinelli taglia 1000. Il Llobarro 60 è un passeggino progettato esclusivamente per questo tipo di pesca .. È di taglia piccola, misura 60 mm e pesa 6 g, ma ha un ottimo lancio e un migliore movimento in acqua.

El Llobarro 60 esca per pesca con la roccia

Le esche Chinesteta sono realizzate in legno, il che consente di lanciare fino a 40 metri oltre le altre esche da pesca. Questo li rende perfetti per raggiungere quei bassi che sembrano irraggiungibili.

In questo senso, una buona scelta è il Llobarro 100 di Chinesteteta, un’esca che si distingue per il suo movimento e il suo lancio. Il Llobarro 100 ha un movimento molto ampio, che provoca l’attacco del basso. E un grande lancio grazie alle sue tubature e perché è un’esca in legno di tiglio.

llobarro 100         Il Llobarro 100 di Chinesteta

Artificiali per la spigolaUna spigola, catturata con un Llobarro 100 di Chinesteta

Trova un’esca per la spigola che resiste alle acque più mosse

Il branzino è un pesce che di solito attacca quando ci sono onde e l’acqua viene spostata. Vanno al frangiflutti, dove le onde si infrangono e sfruttano la schiuma che viene creata per il lancio per la loro preda. Come abbiamo accennato nel punto precedente, è essenziale che la nostra esca per la pesca del basso sia lanciata bene e raggiunga queste aree. Tuttavia, se arriva ma quando viene immerso nell’acqua non supporta l’onda delle onde, perderemo tutto ciò che è stato raggiunto. Avremo bisogno di un’esca pesante che possa resistere al movimento delle acque più coraggiose.

In Chinesteta produciamo esche molto resistenti. Il Llobarro 120 è particolarmente adatto. È di taglia media, pesante e sopporta molto bene i colpi d’acqua.

Artificiali per la spigola   Un buon richiamo per la spigola, il nostro Llobarro 120

Scappa dalle esche dei branzini con sonagli

Le spigole sono pesci straordinariamente cauti, che hanno imparato a riconoscere il tintinnio delle esche e che difficilmente cadranno per quell’inganno. Oltre a vivere in mare, in porti, banchine, paludi e frangiflutti di solito scalano i fiumi e rendono l’acqua fresca il loro ambiente. Sfruttano le canne, le barche, le rocce e gli ostacoli più nascosti sulla riva per nascondere e cacciare i pescietti ignari che trovano alla loro portata.

In queste aree non ci sono onde, quindi sono molto più silenziose. Pertanto, avremo bisogno di un’esca da pesca per il basso silenzioso, senza sonagli e che non spaventi questi pesci con il loro suono. Nessuno dei Chinesteta porta sonagli, il che li rende perfetti per la pesca di questa diga. Il basso si affiderà molto di più ad un’esca silenziosa, che non riguarderà i pescatori.

Cerca esche artificiali che ti consentano di giocare con i movimenti

Come nella pesca della stragrande maggioranza dei pesci, il movimento che ti consente di attirare la tua esca è fondamentale quando si tratta di caccia al basso.

Con questo pesce, di solito viene utilizzato un movimento a zig zag (chiamato anche “walking the dog”), che è il più comune per attirarli. A seconda del modello di esca utilizzato, è possibile eseguire questo movimento a zig zag in modo più ampio o più breve. Vediamo quando è meglio optare per l’uno o l’altro:

Se vediamo che le spigole è aggressive, sarà più efficace fare un movimento breve e veloce. Il pesce rileverà più facilmente l’esca e non esiterà ad attaccarlo. Il Llobarro 120 di Chinesteta è perfetto per eseguire questi tipi di movimenti.
Se, al contrario, rileviamo che le spigole è sospette, dobbiamo usare un’esca che ci consente di fare movimenti più ampi e più lenti. Se i pesci sono cauti, questo movimento più lento non li spaventerà molto e darà loro più fiducia. Non sai quale esca usare per questo? Llobarro 60, Llobarro 80 e Llobarro 100 sono gli ideali.

señuelos róbaloUna buona spigola catturata con un Llobarro 100

La qualità del amo è importante

Un buon amo è sempre rilevante quando si pesca! Ma soprattutto con il basso. A seconda del tipo di acqua in cui si trovano, la nostra esca deve contenere una certa tripla.

Quando pesciamo in acqua dolce, varrà un gancio di base, sempre di qualità. Il basso è un pesce aggressivo, quindi siamo interessati che sia rinforzato per far fronte ai suoi morsi senza piegarsi. Il Bass 120 di Chinesteta è molto adatto a queste esigenze.
Quando pesciamo in acqua salata, dovremo tener conto del fatto che la tripla è resistente al salnitro. Altrimenti, si ossida al contatto con l’acqua. In mare è particolarmente importante rinforzare il triplo della nostra esca per spigola. In Chinesteta lavoriamo con ganci di altissima qualità, che puoi trovare in molti dei nostri modelli: Sea Bass 120, Llobarro 60, Llobarro 100, Llobarro 120. Tutti hanno triplo rinforzo e rivestimento in acqua salata.

Tutte le esche Chinesteta sono dotate di tripla qualità comprovata dai pescatori di tutto il mondo. Sia che tu pesca con un’esca Chinesteta o uno di qualsiasi altra marca, presta sempre attenzione agli ami! Possono fare la differenza tra ottenere o meno una presa.

Pesca lubina Llobarro 80

Pesca alla spigola

Una bellissima spigola catturata con il Llobarro 80

Altre raccomandazioni per la pesca della spigola

Ora che abbiamo visto i punti principali da considerare quando si sceglie un’esca da pesca per la spigola, passiamo in rassegna una serie di raccomandazioni generali.

L’esca che scegliamo è decisiva, ma anche la canna ha un ruolo fondamentale. Dovrà essere abbastanza lungo da sostenere il peso dell’esca scelta. Per un’esca Chinesteta da 100-120 mm, l’asta ideale sarà lunga 2,10 m. Per esche da pesca più pesanti per il basso, avremo bisogno di canne da 2,70m.
È importante scegliere una canna che abbia l’azione (i grammi di peso che lancia) appropriata per l’esca. Altrimenti, potremmo rompere l’anello o la punta di esso.
Come molti predatori, il basso è una specie più attiva nelle ore di scarsa luminosità, quindi sarà più facile per noi trovarli all’alba, al tramonto e alla notte. È una buona strategia approfittare di quelle ore di oscurità per tentarle e afferrarle.
Sebbene il più comune sia all’alba, ci sono anche pescatori che tentano la fortuna di notte. Di solito vanno in aree di porti o frangiflutti, per sfruttare le luci vicine e non essere nell’oscurità totale. Tuttavia, ci sono anche pescatori che pescano in luoghi più remoti, senza illuminazione. In queste aree, i bassi sono più sicuri, perché non sono così abituati ai pescatori. Tuttavia, è pericoloso per i pescatori, che potrebbero avere un incidente a causa della mancanza di luce e non trovare aiuto nelle vicinanze.

Nella pesca della spigola, è abbastanza frequente effettuare la “cattura e rilascio”. Questa è una delle correnti più importanti tra i pescatori, che la promuove per prevenire l’esaurimento dei pesci e continuare a pescare in modo sostenibile.

Una conclusione

Come abbiamo detto prima, la spigola non è un pesce facile da pescare. È un pesce sospetto e molto cauto, che nasconde e non si fida del rumore. I principianti possono avere difficoltà a trovarli o a non spaventarli. Ma, come tutto il resto, la pratica rende perfetti. L’esperienza insegnerà al pescatore dove cercare questi pesci e come eseguire i movimenti appropriati per cacciarli. Per questo, sarà sempre essenziale avere una buona canna e un’esca da pesca adatta per la spigola.